Schnauzer: alla scoperta di un cane allegro e vivace – Expodog Blog

Schnauzer: alla scoperta di un cane allegro e vivace

Lo Schnauzer è una razza canina molossoide molto particolare che prevede una taglia nana, una media ed una gigante. Il suo nome deriva dal vocabolo tedesco Schnauze che significa muso baffuto, caratteristica che sicuramente appare subito agli occhi. La lunga storia che caratterizza lo Schnauzer vede la razza a taglia media nascere in Baviera, dove veniva impiegato come cane da fattoria, per guidare il bestiame e fare la guardia. Solo dopo la Prima Guerra Mondiale lo Schnauzer divenne famoso anche al di fuori della Germania. Dallo Schnauzer medio si sono poi sviluppati lo Schnauzer Gigante e quello Nano. ​ ​

Aspetto dello Schnauzer

​Come molti altri cani da guardia lo Schnauzer si presenta con una corporatura possente ed un carattere decisamente audace e dominante. La forma del suo corpo si può iscrivere in un quadrato, dove l’altezza al garrese è uguale alla lunghezza della schiena.

Pur variando nelle dimensioni tutte e tre le specie di Schnauzer (Gigante, Medio e Nano) si presentano con un aspetto identico. La testa rettangolare, il cranio piatto ed il muso quadrato, hanno quei baffi caratteristici che nascondono una mascella in realtà molto forte. ​ ​

Un tempo allo Schnauzer venivano tagliate orecchie e coda. La conchectomia, ovvero l’amputazione di orecchie e coda, è stata proibita in tempi recenti, a seguito dell’entrata in vigore della Convenzione Europea.​ ​ Il pelo dello Schnauzer si presenta abbastanza ruvido, specie sui fianchi e sulla schiena, di colore nero, nero argento, bianco o pepe e sale. Folto, ruvido e resistente, il pelo dello Schnauzer deve essere mantenuto abbastanza corto e rasato sulle gambe.​ ​

Carattere dello Schnauzer

​Anche se è nato come cane da guardia e da lavoro lo Schnauzer è comunque un eccellente cane da compagnia. Pur mostrandosi un po’ diffidente con gli estranei si affeziona moltissimo alla sua famiglia e lega con i bambini anche piccoli.

Paziente e sempre pronto a giocare, lo Schnauzer è un esemplare estremamente intelligente che impara molto velocemente. ​ ​

Affidabile ed obbediente, è portato a riconoscere in un componente della famiglia il suo capobranco e, pur essendo disposto al gioco con ogni persona della famiglia, si farà guidare durante l’addestramento solo dal suo capobranco.​ ​

Quando raggiunge i dieci anni di età lo Schnauzer tende a ridurre l’esuberanza giovanile, anche se non diminuisce l’attenzione e la vigilanza territoriale. Con la sua straordinaria intelligenza riesce a percepire anche la più piccola variazione, così da trasformarsi da calmo e rilassato in attento e circospetto se solo avverte che avviene qualcosa che esula dal normale.

Addestramento dello Schnauzer

Trattandosi di una razza canina molto intelligente, l’addestramento dello Schnauzer non presenta particolari problemi. Si può iniziare con le prime sessioni di addestramento fin da cucciolo, per avere un esemplare tranquillo, socievole e felice. L’unico inconveniente nell’addestramento è dato dalla sua personalità molto forte e dalla sua curiosità, che lo porteranno a distrarsi con estrema facilità.

Il capobranco, ovvero il componente della famiglia che si occupa del suo addestramento, dovrà perciò sapersi imporre con autorità, senza però ricorrere a sgridate o peggio ancora, con punizioni. La pazienza nel ripetere i comandi ed i rinforzi positivi con piccoli premi e complimenti permetteranno senz’altro di ottenere risultati migliori.

Trattandosi di un esemplare molto attaccato alla famiglia, che non esiterebbe a dare la vita per proteggere ogni componente, è molto importante che tutti passino un po’ del loro tempo con lui. Da tenere presente infine che lo Schnauzer non è un cane adatto a coloro che trascorrono molto tempo fuori casa. Lasciato solo per lunghi periodi infatti potrebbe sviluppare comportamenti distruttivi e soffrire di ansia da separazione.

Principali malattie dello Schnauzer

Le principali malattie dello Schnauzer sono:​

  • Displasia dell’anca
  • ​ Pancreatite
  • ​ Parvovirosi canina
  • ​ Problemi agli occhi​ ​

Displasia dell’anca nello Schnauzer

​La displasia dell’anca nello Schnauzer è una malattia articolare che tende a colpire tutti i cani di media/grossa taglia. Raramente potrà interessare uno Schnauzer Nano.

La malformazione delle ossa attacca l’articolazione coxo femorale. Questa malattia, che compare generalmente nella fase dello sviluppo, tende a peggiorare con il tempo. Un corretto apporto di calcio e minerali nella dieta del cane può contribuire ad una adeguata protezione. ​ ​

A questo proposito vorremmo però soffermarci anche sul fatto che la displasia dell’anca nello Schnauzer è stata classificata come malattia genetica, per cui rivolgersi ad un buon allevatore serio permetterà di avere un cucciolo di Schnauzer esente da displasia dell’anca, ovvero nato da genitori sani. Certamente poi una dieta alimentare equilibrata e capace di apportare all’animale tutte le sostanze necessarie per una sua corretta crescita sarà comunque importante.​ ​

I sintomi della displasia dell’anca sono zoppia, riduzione della mobilità e dolore. Si possono notare anche aumenti della massa muscolare sulle spalle e schiena ricurva. Anche se non vi sono terapie efficaci per una completa guarigione, il veterinario potrà comunque prescrivere cure che permettono di alleviare il dolore del cane.​ ​

Pancreatite nello Schnauzer

​Il pancreas è un organo molto sensibile nello Schnauzer. Molto spesso infiammandosi provoca la Pancreatite, che si manifesta con letargia, depressione, nausea, vomito e diarrea soprattutto nello Schnauzer Nano. ​ ​ La Pancreatite dello Schnauzer tende a comparire intorno ai sei anni di età e la diagnosi può essere fatta dal veterinario attraverso un’analisi del sangue ed una radiografia. ​ ​

Parvovirosi Canina nello Schnauzer

La Parvovirosi nello Schnauzer, conosciuta anche come gastroenterite emorragica, è una patologia che causa una grave infiammazione del tratto intestinale accompagnata da una emorragia. Si manifesta generalmente tra i due ed i quattro anni di età.

Causata da un virus che colpisce l’intestino, la Parvovirosi si manifesta con vomito, diarrea ed inappetenza. Il pericolo maggiore di questa malattia consiste nel fatto che lo Schnauzer colpito risulta più suscettibile alle infiammazioni batteriche.

Anche un tessuto epiteliale danneggiato può favorire il contatto dei batteri con il sangue e provocare un’infezione generale. ​

Il contagio avviene principalmente per via orale, quando il muso del cane viene in contatto con le feci, il cibo o altri oggetti infettati. ​ ​

I sintomi sono quelli comuni a molte patologie, per cui solo le analisi di laboratorio svolte dal proprio veterinario di fiducia potranno individuare la presenza degli antigeni della parvovirosi. ​ ​

Una adeguata terapia permetterà a Fido di guarire completamente in tre settimane. Ovviamente, poiché si tratta di un virus molto resistente, è importante una pulizia profonda della casa e di tutti quegli spazi dove il cane solitamente dimora.

Problemi degli occhi nello Schnauzer

Gli occhi dello Schnauzer sono una parte estremamente delicata. Per questo molto spesso questa razza canina può presentare problemi legati alla vista. Tra i più comuni inconvenienti agli occhi dello Schnauzer vi sono:

  • atrofia progressiva della retina​
  • glaucoma​
  • displasia della retina​ ​

L’atrofia progressiva della retina è una malattia degenerativa che si manifesta con la perdita della vista, cataratta e pupille dilatate. La diagnosi può essere fatta solo attraverso specifici esami dell’occhio, come l’elettroretinografia. ​ ​

Il Glaucoma è causato da un eccesso di liquido intraoculare nella parte interna dell’occhio. Questo provoca un aumento della pressione intraoculare che innesca cambiamenti nella retina e nel nervo ottico. Nei casi più gravi anche questa patologia può condurre alla cecità. ​ ​

La diagnosi potrà essere fatta solo dal veterinario, che provvederà a prescrivere un collirio che controlli il liquido intraoculare. In alcuni casi può rendersi necessario un intervento chirurgico. ​ ​

La displasia della retina è invece dovuta ad un errato sviluppo della retina fin dalla nascita o ad una forte infezione nei primi mesi di vita. Talvolta la displasia si presenta in forma lieve e tende a scomparire spontaneamente con l’età, mentre nelle forme più gravi può condurre alla cecità totale.

1 Comment

  1. Ho avuto fino ad ora 4 schnauzer tutti giganti e solo femmine, Attualmente ne ho due, uno nano di nove anni, ed uno gigante di un anno e mezzo, anche queste femmine. La scelta di avere delle femmine e puramente personale, probabilmente perchè e più docile ed affettuosa e meno irruenta di un maschio, ma in quanto ad affettuosità sono identici. La scelta di un cane di questa razza risale al 1997, per motivi di sicurezza famigliare e per le particolari caratteristiche che non ho trovato in altri cani. Personalmente ritengo che sia un cane molto forte fisicamente e non facilmente aggredibile da malattie. Le patologie citate nella recensione sopra descritta, fino ad ora non ne ho riscontrate nei miei. Unico problema che avuto e nel nano, la struvite, patologia facilmente curabile con alimentazione adeguata e mirata. Ci fosse qualcuno che me ne volesse regalare un altro ne sarei molto felice , in quanto ho spazio e tempo disponibile da dedicargli. Ho imparato tutto di questa razza e ne sono diventato oltre che conoscitore anche un convinto estimatore.
    Attualmente sono pensionato, ecco perchè dispongo di tempo ed affetto da dedicargli. Premetto che non ho mai sterilizzato le mie femmine non ho mai fatto una cucciolata e tantomeno NON faccio l’allevatore, amo semplicemente questa razza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *