Come addestrare il cane

Avere in casa un amico a quattro zampe da molte soddisfazioni: l’affetto che il cane può dare all’uomo è incomparabile e incondizionato. Quando prendiamo la decisione di adottare e crescere un cucciolo bisogna essere consapevoli di supportarlo nel suo percorso di vita con noi umani. L’educazione del cucciolo è fondamentale per risolvere problemi comportamentali. Il cane sano, che si sente amato è felice e non si farà pregare per contraccambiare tutto il nostro affetto.

Bisogna capire come comportarsi con lui nel modo giusto. A questo punto è necessaria una precisazione: non esistono cani aggressivi, ma esistono persone che adottano un comportamento sbagliato mettendo in grave disagio psichico il cane. Non dimentichiamoci mai che il nostro nuovo amico pelosetto è molto intelligente e capisce quando può avere attenzione: essere troppo condiscendenti puo’ rappresentare un inizio di fallimento nell’educazione del cane, che percepirà nel nostro comportamento un invito a gestire a suo modo ogni situazione.

Il modo di addestrare ed educare il proprio cane

 

La prima cosa da fare per un ottimo addestramento cane è quella di diventare il suo punto di riferimento e fiducia. Ci sono razze di cani tipicamente “testarde” che possono richiedere una pazienza maggiore all’addestratore per fargli apprendere le nozioni di base. Ma un buon educatore cinofilo sarà sempre in grado di aiutare il cane a fare un’ottima vita sociale e relazionarsi correttamente sia con i suoi simili che con le persone.

Il metodo più utilizzato è quello di premiare con un bocconcino goloso ogni volta che di sua iniziativa compie qualcosa di inaspettato, o quando esegue correttamente un comando. Questo metodo del rinforzo positivo ha molto successo ed è tra i più utilizzati anche dagli educatori cinofili.

L’educazione del cane può iniziare già quando il cucciolo entra per la prima volta in casa, bisogna fargli capire quali sono i suoi spazi, dove fare i bisogni, dove mangiare. I comandi vocali, sono difficili da essere assimilati in quanto alcuni apprendono prima di altri. Iniziare dai comandi base come: VIENI, SEDUTO, e rendersi conto se il cane al comando si distrae giocando (se si distrae bisogna portare pazienza). Non esiste un’età precisa per iniziare l’addestramento: va valutato caso per caso.

Se l’addestramento del cane cucciolo ha lo scopo di fornirgli indicazioni sul comportamento corretto da assumere in ogni circostanza, riuscire ad addestrare un cane adulto potrebbe risultare più complesso, perché avrà già acquisito, col passare degli anni, le proprie abitudini.

I primi giorni di addestramento è importante non bruciare le tappe ma fare una cosa per volta, si comincia dalle cose semplici e quando avrà appreso i comandi “fermo” e “seduto” si può passare alle cose più difficili. Via via l’animale comprenderà come funziona e inizierà a rispondere sempre più prontamente ai nostri comandi, soprattutto se avrà la consapevolezza di essere premiato per ogni suo successo.

Una alternativa ai comandi vocali nell’addestramento cane è data dal clicker: un modo divertente per il suo apprendimento e per raggiungere in breve tempo il risultato sperato. Il clicker è realizzato in plastica con una linguetta in alluminio, che una volta pigiata produce un suono che il cane associa a un comando. Viene venduto in tutti i negozi per animali ed è possibile anche trovarlo nei più grandi store online. L’ideale è usarlo in un luogo tranquillo (meglio se da soli con il cane), e quando lui risponde ricordarsi di premiarlo con un croccantino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trova cucciolo

Articoli più letti

Ultimi articoli

Sezioni del sito