Dogo Argentino: una formazione adeguata lo rende fedele ed affettuoso – Expodog Blog

Dogo Argentino: una formazione adeguata lo rende fedele ed affettuoso

​Il Dogo Argentino nasce come cane di razza nel 1920, quando il dottor Antonio Nores Martinez provò ad incrociare metodicamente il Perro de Paleo Cordobés, antico cane da combattimento di Cordoba con un carattere ancora instabile, con il Dogue de Bordeaux, il Boxer ed altri cani di razza pura.

Per la sua forza e vigorosità il Dogo Argentino venne fin da subito apprezzato dagli amanti dei combattimenti tra cani. Ancora oggi quando parliamo di Dogo Argentino sono in molti a pensare a lui come ad un cane problematico ed aggressivo, ideale solo per pochi esperti allevatori. Ma sarà davvero così, oppure dietro quell’aspetto robusto ed atletico si nasconde quella dolcezza che la sua espressione docile rivela?

Vediamo insieme perchè, chi lo ritiene sempre comunque un cane inaffidabile e pericoloso si sbaglia e come riuscire a dargli quella formazione adeguata che lo renderà sicuramente fedele ed affettuoso.​ ​

Caratteristiche principali del Dogo Argentino

​Il Dogo Argentino è un cane molossoide, che per sua natura può vantare un ottimo olfatto, una grande velocità ed un coraggio davvero straordinario.

In Italia oggi viene utilizzato soprattutto come cane da difesa, da guardia e da compagnia. La sua robusta corporatura e la struttura muscolare possente vengono messe in risalto dal mantello completamente bianco, a pelo corto e liscio.

Può raggiungere i 68 cm di altezza (che nella femmina si riducono a 65 cm), ed un peso che oscilla tra i 40 ed i 50 Kg. Le spalle sono molto larghe e robuste, la coda si presenta lunga e ben aderente al corpo.

Con il suo fisico possente e reattivo, il Dogo Argentino mostra una straordinaria agilità nei movimenti ed un portamento fiero.​ ​

Dogo Argentino: dietro un aspetto possente si nasconde un carattere affettuoso

​ Se ad una prima occhiata il Dogo Argentino può apparire come un cane possente dall’aria quasi feroce, in realtà nasconde un carattere estremamente docile, affabile e giocoso, senza più niente a che vedere con il suo antenato da combattimento.

Ovviamente però, data la sua mole e la sua forza, è opportuno prevedere per lui un percorso di addestramento che lo porti, sin da piccolo, a rispettare luoghi e ruoli. In particolar modo i maschi della razza tendono a mostrare una marcata predilezione a combattere per il predominio territoriale, e un addestramento che lo educhi all’interazione con altri cani ed animali domestici potrà senza dubbio prevenire eventuali comportamenti aggressivi dominanti.​ ​

Addestramento del Dogo Argentino

​Il Dogo Argentino è un cane abbastanza facile da addestrare. Ovviamente il suo addestramento deve iniziare fin da cucciolo, essere condotto da persone abbastanza esperte e rapportato alle varie fasi di crescita del cane. ​

Può anche essere il primo cane, purché il padrone sia in grado di garantirgli una adeguata attenzione e socializzazione.​ ​ Una delle cose da tenere sempre ben presente nell’addestramento del Dogo Argentino è la sua facilità di apprendimento, per cui è sempre bene evitare una eccessiva ripetitività degli esercizi che lo porterebbero ad annoiarsi e deconcentrarsi.​ ​

Fin dal suo arrivo nella famiglia il cucciolo dovrà essere educato a socializzare. Per questo motivo dedicare un po’ di tempo a farlo giocare e portarlo a fare lunghe passeggiate si rivelerà davvero molto utile. Le uscite lo aiuteranno in ogni fase del suo sviluppo, permettendogli così di venire a contatto e socializzare con nuovi animali e persone, oltre che di fare un movimento adeguato.

Non dimenticare infatti che il Dogo Argentino è un gran camminatore ed ama fare lunghe passeggiate.​ Trattandosi di un animale dal carattere comunque esuberante è bene però prevedere anche alcuni attimi della giornata in cui si costringe un po’ alla sedentarietà, per creare in lui un adeguato bilanciamento.​ ​

In ogni fase della sua crescita i metodi educativi da adottare con il Dogo Argentino dovranno essere positivi. La sua formazione dovrà essere decisa ed energica, destinata a mitigare il suo istinto territoriale e mettere in risalto al tempo stesso le sue doti protettive.

Per riuscire ad avere nel Dogo Argentino un compagno fedele ed affettuoso è importante tenere sempre presente che questa razza è molto sensibile e non ama trattamenti aggressivi da parte del suo maestro. Molto ricettivo al rinforzo positivo durante la formazione, sapà apprendere molto di più e più in fretta se trattato con rispetto. I metodi dolci e coerenti, impartiti talvolta anche con tono autoritario, riusciranno a dare senza dubbio risultati migliori di tanti sistemi punitivi.​ ​

Qual’è l’ambiente ideale per il Dogo Argentino

​Nonostante la sua mole il Dogo Argentino può anche essere tranquillamente il cane ideale per chi non dispone di spazi all’aperto. Con il suo pelo corto non sporca se tenuto in casa.

Tuttavia è necessario che chi sceglie di prendere con sè un cane di razza come il Dogo Argentino sia consapevole del tempo che dovrà dedicargli. Oltre che amare molto stare con il suo padrone infatti, il Dogo necessita anche di lunghe passeggiate all’aria aperta. Pur non richiedendo attenzioni e carezze costanti infatti, ama molto il calore umano ed è in grado di mostrarsi felice anche semplicemente stando accoccolato accanto al suo padrone.

Per questo motivo potrebbe non essere il cane ideale per coloro che amano la vita sedentaria o che, per motivi di famiglia o di lavoro, sono spesso fuori casa.​ ​ Il Dogo Argentino è il cane ideale anche per famiglie con bambini, in quanto ama molto i piccoli e si presta a giocare con loro, lasciandosi tirare la coda senza emettere nessun ringhio e mostrando una pazienza infinita. Soprattutto le femmine di Dogo Argentino tendono ad avere uno spiccato senso materno verso i bambini di casa, oltre che verso i propri cuccioli.​ ​

Alimentazione del Dogo Argentino

L’alimentazione del Dogo Argentino dovrà essere adattata fin dai primi mesi al suo peso ed alle condizioni. Una particolare attenzione dovrà essere posta alla sua attività fisica, in quanto una vita troppo sedentaria potrebbe condurlo ad eccessi di peso. Essendo un cane di razza a crescita particolarmente rapida, è importante che la sua razione giornaliera sia programmata con cura insieme al veterinario di fiducia. ​ ​

Per favorire una migliore digestione e prevenire la sindrome di dilatazione-torsione dello stomaco, si consiglia inoltre di mantenere la ciotola del cibo in posizione sopraelevata. ​ ​

Malattie del Dogo Argentino

​Vediamo insieme quali sono le patologie più comuni che potrebbero interessare il Dogo Argentino. Una delle più diffuse, che riguarda tutti i cani di razza di taglia grande, è la displasia dell’anca.

Acquistare un esemplare di Dogo Argentino da un allevatore serio e professionale, aiuterà senz’altro a prevenire questo rischio. Solo gli allevatori “veri” infatti sono spesso in grado di assicurare che il cucciolo di Dogo Argentino sia esente da questa patologia, rilasciando l’apposito certificato.​ ​

Anche se il colore bianco del suo manto può far pensare che il Dogo Argentino possa presentare problemi di sordità, unilaterale o bilaterale, in realtà ad esserne colpiti risultano essere circa l’1% degli esemplari.​ ​ Un’altra patologia che potrebbe interessare il Dogo Argentino è la Rogna Rossa, o demodicosi.

Questo problema, che si presenta con arrossamenti della cute e perdita di pelo, è generalmente causato da una inadeguata cura della pelle. Una spazzolatura costante (almeno una volta a settimana) con le apposite spazzole o guanti disponibili in ogni negozio pet, aiuterà senza dubbio a prevenirla.​ ​

I colpi di calore infine possono rappresentare un pericolo per questa razza di cane che, pur tollerando abbastanza bene anche le alte temperature, è penalizzato dal mantello bianco che non gli assicura una protezione ottimale. Attenzione quindi a non farlo affaticare troppo sotto il sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Trovi interessante questo contenuto? Condividilo.