Epilessia nel cane: colpa del cibo?

Tra i vari disturbi che possono affliggere Fido vi è certamente anche l’epilessia. Si tratta di un disturbo neurologico che provoca convulsioni causate da una anomala attività elettrica nel cervello del cane.

Sebbene le cause sembrano essere imputabili a diversi fattori scatenanti non necessariamente collegati al cervello (potrebbe infatti essere causata da tumori o infezioni cerebrali, ma anche da ingestione di veleni, bassi livelli di zucchero nel sangue o addirittura trattamenti contro le pulci) alcuni studi sembrano aver trovato anche possibili cause nel cibo.

Oggi parleremo proprio dell’epilessia idiopatica, ovvero quella che sembra scaturire pur in assenza di problemi disfunzionali che portino i neuroni a scoppiare.

Convulsioni causate da fattori ambientali

Determinati fattori ambientali possono scatenare le convulsioni nel nostro fedele amico a quattro zampe. Fare attenzione alla comparsa dell’epilessia in concomitanza con determinate situazioni può senza dubbio aiutare a prevenirla evitando o comunque riducendo l’esposizione di Fido a questi fattori scatenanti.

Tra i più comuni segnaliamo la presenza di musica ad altissimo volume, luci lampeggianti o intense, l’uso di candele e oli profumati artificialmente, prodotti per la pulizia della casa, pesticidi (mai usarli, neppure in giardino), contatto o ingestione di foglie e rami di piante tossiche per il cane. Pensa che anche la luna piena può essere un fattore scatenante dell’epilessia.

Una nutrizione corretta può aiutare a combattere l’epilessia canina

Anche l’alimentazione di Fido gioca un ruolo determinante nella prevenzione e nella cura dell’epilessia canina. Se il cane ha l’epilessia idiopatica è molto importante potergli garantire una dieta ricca di alimenti naturali a basso contenuto di glutammato. Questa sostanza aminoacida è infatti un neurotrasmettitore importante per lo sviluppo del cervello ma al tempo stesso responsabile (se assunto in grandi quantità) di malattie legate proprio a quest’organo.

Ridurre o addirittura evitare tutti i cibi ricchi di glutammato può portare grande giovamento nel trattamento dell’epilessia idiopatica poiché, come dimostrato da studi recenti, le convulsioni attirano il glutammato dalle cellule del tessuto cerebrale danneggiandole.

Gli alimenti da evitare perché ricchi di glutammato sono principalmente:

  • cereali
  • fagioli
  • arachidi
  • latticini e latte di vacca
  • coniglio, tacchino e pesce azzurro
  • alimenti contenenti conservanti, antiossidanti chimici ed esaltatori di gusto 

Vi sono invece alimenti che aiutano a limitare l’insorgenza di convulsioni da epilessia idiopatica. Sono tutti quei cibi freschi e naturali che contengono elevate quantità di:

  • DHA
  • Vitamine del gruppo B
  • Vitamina C
  • Olio di CBD

Il DHA è un antinfiammatorio che svolge un ruolo di fondamentale importanza nello sviluppo del cervello. Tra i principali cibi ricchi di DHA troviamo alcuni tipi di alghe e le uova, che sono anche spesso consigliate per garantire lucentezza al manto del cane. 

Le Vitamine del gruppo B possono dare una mano per ridurre le convulsioni. Le troviamo nelle uova e nelle verdure a foglia verde scuro.

La Vitamina C è un antiossidante naturale particolarmente indicato per ridurre i danni al tessuto cerebrale causati dalle convulsioni. Ne sono ricchi i cavoli, i peperoni e le bacche.

L’Olio di CBD è una sostanza estratta dalla canapa (meglio se biologica) che permette di avere una duplice funzione: da un lato ripara i danni causati dalle crisi epilettiche del cane sui tessuti, mentre dall’altro aiuta a prevenire le lesioni cerebrali che possono verificarsi durante le convulsioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trova cucciolo

Articoli più letti

Ultimi articoli

Sezioni del sito