Punture di insetti nel cane: quali rischi?

Le punture di insetti nel cane sono un problema che, sebbene raggiunga il suo picco nei mesi più caldi, è presente tutto l’anno. Ma come riconoscerle e soprattutto quando è importante intervenire?

Le belle che stanno per arrivare fanno aumentare il piacere di trascorrere molte ore all’aria aperta e inevitabilmente questo espone maggiormente alle punture di insetti i nostri amici pelosetti.

Quando un insetto punge Fido la zona colpita gonfia ed appare irritata: se a pungerlo è stata una vespa o un’ape avvertiremo anche una sensazione calda al tocco.

Un altro morso di insetto abbastanza comune nel cane è quello della zanzara: nel caso in cui il nostro fedele amico a quattro zampe venga punto da una zanzara l’area si presenterà con una protuberanza sulla pelle.

Come accade negli esseri umani però l’irritazione è lieve, anche se è importante mantenere sempre protetto Fido dalla filaria con il programma di vaccinazioni, poiché proprio la zanzara porta questa malattia davvero pericolosa.

Le punture nel cane che preoccupano di più sono quelle delle zecche, che provocano prurito ma sono anche portatrici della malattia di Lyme. Nella maggior parte dei casi poi la zecca rimarrà attaccata alla sua pelle e sarà necessario rimuoverla in modo corretto.

Tra gli insetti più diffusi poi ci sono le pulci, che se trascurate possono dare origine ad una vera e propria infestazione da pulci.

Questi insetti assetati di sangue saltellano sul corpo del cane e rilasciano la loro saliva, che è molto allergenica: il morso di una singola pulce può provocare prurito su tutto il corpo di Fido. Le aree punte possono presentare arrossamenti e gonfiori, croste, perdita di pelo e trasudamento.

Come intervenire in caso di pinzature di insetti

La prima cosa da fare quando Fido viene punto da un qualsiasi insetto è cercare di ridurre l’irritazione. Il cane, leccandosi e grattandosi, potrebbe infatti graffiarsi e dare così origine ad un’infezione secondaria.

Per ridurre il senso di prurito è importante applicare sulla parte lesa un impacco di ghiaccio.

Le temperature fredde attenuano il prurito e riducono il gonfiore. Anche una pasta fatta con acqua e bicarbonato di sodio può aiutare a ridurre l’infiammazione.

Nella maggior parte dei casi i sintomi delle punture di insetti si attenuano fino a scomparire con questi rimedi casalinghi.

Può però accadere che il cane manifesti reazioni allergiche acute che tendenzialmente compaiono dopo circa venti minuti. Se si notano gravi reazioni anafilattiche è fondamentale rivolgersi prima possibile al proprio veterinario di fiducia.

Come prevenire le punture di insetti

Anche se nella maggior parte dei casi non portano complicazioni, sicuramente prevenire è sempre meglio che curare.

Per questo sarebbe importante affidarsi a prodotti specifici che fungano da repellente per i principali insetti che possono causare malessere al nostro fedele amico a quattro zampe.

In particolar modo nei mesi più caldi, quando le passeggiate al parco si fanno più frequenti e lunghe, sarebbe consigliabile applicare direttamente sulla cute di Fido un antiparassitario specifico.

In generale queste fialette devono essere applicate una volta al mese ed è bene evitare nei primissimi giorni dopo l’applicazione di fare il bagnetto a Fido.

In alternativa è possibile scegliere un collare progettato proprio per tenere lontani i parassiti dal nostro fedele amico a quattro zampe.

Con il collare non correremo il rischio di dimenticare un’applicazione e non dovremmo preoccuparci se il nostro pelosetto manifesterà il desiderio di un bagnetto refrigerante: i collari antiparassitari garantiscono ben otto mesi di protezione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trova cucciolo

Articoli più letti

Ultimi articoli

Sezioni del sito