Il cane ha la febbre? Come misurare la temperatura di Fido – Expodog Blog

Il cane ha la febbre? Come misurare la temperatura di Fido

Sei preoccupato perché il tuo fedele amico a quattro zampe è mogio, piagnucola ed è caldo? Se ti stai chiedendo se il cane ha la febbre qui potrai trovare una breve guida per aiutarti a scoprirlo. 

Quando porti Fido dal veterinario, sia per le emergenze che per i semplici controlli periodici, una delle prime cose che il medico fa è misurargli la temperatura corporea. Tuttavia misurare la febbre del cane è un’operazione semplice e veloce, che potrai anche eseguire in completa autonomia e che sarebbe consigliabile eseguire almeno una volta al mese in un programma di controllo della salute del cane.

Per farlo ti basterà un termometro digitale che rileva la temperatura in pochissimi secondi. Se possibile fatti aiutare da un familiare, che dovrà tenere fermo il cane mentre tu gli sollevi la coda ed inserisci la parte metallica del termometro nell’ano del cane. Per poter compiere questa operazione più agevolmente potrai lubrificare la punta con della vasellina o dell’olio per bambini.

Ovviamente il termometro dovrà essere riservato esclusivamente a Fido, e dopo ogni utilizzo dovrai ricordarti di disinfettarlo.

Come leggere la temperatura del cane

A differenza di noi umani, la temperatura del cane varia da 38,1 a 39,2 gradi centigradi, anche se già a 37,8° può essere considerata normale. Vediamo invece quando occorre preoccuparsi.

Se la temperatura è sotto i 36,7 gradi centigradi siamo in presenza di ipotermia. In questo caso è bene tenere il nostro fedele amico a quattro zampe in un luogo ben riscaldato e contattare immediatamente il proprio veterinario di fiducia.

Una temperatura compresa tra 36,7 e 37,2 gradi centigradi è da considerarsi anormale. Anche se sicuramente meno pericolosa di quella da ipotermia richiede quindi un consulto veterinario abbastanza urgente. Se il termometro segna tra 37,2 e 39,2 gradi centigradi non c’è alcun motivo di preoccuparsi, in quanto la sua temperatura è assolutamente normale, mentre se supera questa soglia siamo in presenza di febbre moderata ed è consigliabile un consulto veterinario.

Quando si arriva a 40° siamo invece in presenza di febbre alta ed è necessario mettere Fido in un ambiente rinfrescato oltre che contattare subito il veterinario. Si parla di colpo di calore quando il termometro sfiora i 41 gradi centigradi: in questo caso è importante non indugiare e chiamare immediatamente il veterinario. 

Febbre del cane: possibili cause

Solo una accurata visita del veterinario può stabilire con assoluta certezza le cause che hanno scaturito la febbre del cane. Qui vogliamo solo dare un’indicazione delle possibili situazioni che possono portare ad una anomalia della sua temperatura corporea.

Abbiamo già avuto modo di parlare dei pericoli legati alle temperature elevate ed al caldo torrido estivo, ma la bella stagione non è la sola responsabile di sbalzi improvvisi della sua temperatura corporea.

Se in estate è bene prestare attenzione ai colpi di calore, nei mesi più gelidi il suo corpo può raffreddarsi a tal punto da dare problemi di ipotermia. Come i colpi di calore anche l’ipotermia del cane rappresenta un vero e proprio pericolo e richiede un intervento immediato.

Oltre alle cause legate alla temperatura esterna però vi sono altri fattori che possono scatenare l’insorgenza della febbre nel cane. Tra i più comuni troviamo:

  • patologie infettive batteriche, come l’artrite settica o la malattie di Lyme
  • patologie infettive micotiche, come l’istoplasmosi
  • patologie infettive protozoarie, come la leishmaniosi
  • ingestione di sostanze velenose 
  • sindrome paraneoplastica
  • leucemia
  • mieloma multiplo
  • linfoma

Vi sono poi anche situazioni in cui l’alterazione della temperatura corporea può essere considerata normale, come ad esempio subito dopo la somministrazione di un vaccino (pensato proprio per stimolare una risposta immunitaria), ma sarà sempre il veterinario a stabilire se si tratti di una tossicità normale o se invece occorra eseguire esami più approfonditi.

1 Comment

  1. Molto interessante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *