IL CAPPOTTO? A cosa serve?

Gli airedale terrier sono cani tosti, sempre pronti a buttarsi nella neve o nella pioggia? No non è così semplice. La razza sicuramente è incline a proporci esemplari forti, ma rispetto all’acqua e al freddo dipende dal singolo soggetto.

Ci sono cuccioli di airedale e cani adulti che sono assolutamente amanti dell’acqua, con il passare degli anni però diventano un po’ saggi. Altri che al solo pensiero di bagnarsi si bloccano e diventano specialisti della retromarcia.

Tu apri la porta, lui mette fuori il muso annusa l’aria: se sa di pioggia, indietreggia, ti guarda e chiede: “devo proprio? A me non scappa…”  Poi verso il freddo abbiamo reazioni opposte: chi non lo sente e uscirebbe anche con dieci gradi sotto zero e chi il freddo non lo ama proprio. I cuccioli nascono così e non cambiano se non nella vecchiaia dove tutti diventano più prudenti verso le situazioni climatiche non ottimali.

Allora il cappottino può essere utile, nei casi più difficili quando proprio ti trovi di fronte un airedale freddoloso.

Il primo giorno non vogliono mettere il cappotto, poi se nei giorni successivi, prima di uscire, sta fermo e aspetta che tu lo vesta, allora vuol dire che gli fa piacere.

Quale cappotto usare?

Mai esagerare il cane deve essere protetto sulle reni e nella pancia se sensibile al freddo.

Altro discorso è la neve e il pelo delle zampe così importante per avere un cane bello. La neve può essere un problema da gestire anche per i piedi del cane, va fatta sciogliere senza che il cane se la strappi con i denti causandosi escoriazioni e strappandosi i peli.

Anche i nostri amici airedale con il passare degli anni invecchiando richiedono cure maggiori, non stupitevi se ad un cane di dieci anni mettete il capottino, la vecchiaia è una brutta cosa per tutti.

Alla prossima

Eurosia

Foto: Gli airedale di Francesco Rangone nella neve.

Il disegno è di Mara Gervasoni “airedale sotto la pioggia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trovi interessante questo contenuto? Condividilo.