Chi tira il guinzaglio: io o Maggie?

A cosa serve il guinzaglio.

Gli Airedale pensano: aspetta prendo la corda e porto in giro quel pigrone del capo! Chi è il capo in passeggiata?

Gli airedale quando escono a passeggiare, come molti terrier, non cercano il Capo che li guidi, ma se siete molto convincenti condividono con voi il gusto della camminata.

Se a questo aggiungete che da adulti pesano mediamente 26 o 28 chilogrammi capite bene che se non ci sono regole chiare, sarete voi a seguire il cane e non viceversa.

Oggi non parliamo delle regole, ma degli strumenti: i guinzagli.

Ogni situazione ha uno strumento adeguato: io ne uso tre.

Il primo corto a strozzo per passeggiate educative, l’airedale deve stare al mio passo anzi pochi centimetri dietro il mio ginocchio ed essere concentrato su quello che io voglio. Esercizi brevi, ma con regole chiare e sempre uguali. Il cane è un essere vivente metodico.

Il secondo di misura regolamentare ovvero 110 cm per passeggiate in luoghi pubblici molto frequentati dove tenerlo corto negli incontri con bambini o persone in difficoltà, più lungo per incontri con altri simili.

Il terzo per la cosa più piacevole le nostre camminate nei prati e nei boschi: un bel flexi lungo, ma resistente. Io purtroppo vivo in una zona molto abitata e non ho boschi sicuri dove lasciare liberi i miei airedale e cammino con diversi di loro.

Per prudenza in auto mi porto sempre un guinzaglio di scorta: spesso si rompo è meglio essere previdenti.

Perché non amo lasciare liberi i miei cani nei boschi urbani? Perché non voglio che finiscano nei guai: un cane da solo che incontra un suo simile si confronta e quasi mai litiga.

Se sono più cani, sono un branco, devono scontrarsi con chi si incontra e stabilire una supremazia, possono nascere guai.

Diverso il discorso negli spazi cittadini a loro dedicati.

Chi ha il guinzaglio in mano: io o lui?

O meglio il mio cane sa cosa voglio fare quando usciamo insieme ed è interessato ad ascoltarmi? Non è una cosa facile da stabilire: ci vogliono poche regole chiare e ben ribadite, una parte della passeggiata deve essere dedicata a ribadirle, poi ci sarà il gioco, la scoperta e la reciproca indipendenza.

Chi comanda deve essere ben chiarito: siete voi non il cane! 

Alla prossima,
Eurosia Zuccolo

1 Comment

  1. articolo molto interessante, anche se personalmente ricordo che il flexi non è a norma di legge …
    Il guinzaglio di scorta è sempre un gran suggerimento, magari quello con la possibilità di avere insieme anche il collare , è molto frequente anche che si rompa pure quello, perciò il 2 in 1 è il top, secondo me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Trovi interessante questo contenuto? Condividilo.