Pastore maremmano: carattere e caratteristiche – Expodog Blog

Pastore maremmano: carattere e caratteristiche

Originario degli appennini abruzzesi, il pastore maremmano è stato originariamente utilizzato come cane guardiano dei greggi, per proteggerli da attacchi di lupi ed altri predatori. Le sue origini sono antichissime. Già in alcuni antichi scritti del I secolo d.C. si trovano tracce di un cane integerrimo guardiano delle greggi ed efficace antagonista del lupo e dell’orso.

Origini e caratteristiche del Pastore Maremmano

La sua diffusione nel nostro Paese è iniziata con esemplari provenienti dal Medio Oriente. Questo porta a supporre che possa trattarsi di una razza canina introdotta in Europa dai pastori nomadi, che hanno raggiunto le diverse regioni europee dando origine ai vari esemplari di razza canina dal pelo bianco dedita alla guardia del gregge.

Le diverse situazioni climatiche, unite alle varie selezioni, non hanno però intaccato le caratteristiche basilari psico-fisiche che possiamo trovare come elemento comune in tutte le razze europee.

Ricordiamo infatti che il Pastore Maremmano (razza che ha avuto origine negli appennini abruzzesi) ha caratteristiche pressoché identiche con i suoi cugini europei, come il cane da montagna dei Pirenei, i Kuvasz ungheresi, i Tatra della Polonia ed i Cuvac slovacchi.

Le caratteristiche comuni a tutte queste razze sono:

  • manto bianco con pelo folto e ruvido
  • costituzione robusta
  • agilità e capacità di effettuare rapidi scatti
  • carattere schivo con l’uomo che non fa parte del suo branco
  • abili e vigili guardiani

La sua proverbiale forza e fedeltà hanno reso nel corso degli anni il Pastore Maremmano una razza di cane dall’indole temeraria ed indipendente, capace di vivere anche senza l’aiuto dell’uomo in condizioni estreme.

Il suo caratteristico aspetto è racchiuso in una taglia decisamente grande e dall’aspetto rustico, con un portamento fiero e maestoso ed una grandissima forza fisica.

Carattere del Pastore Maremmano

Come molti altri cani da lavoro anche il Pastore Maremmano ha un temperamento forte, sicuro ed indipendente.

Il suo impiego come cane da guardia per il gregge lo ha portato a sviluppare un attaccamento profondo al padrone, che vede come un punto di riferimento.

Portato ad una costante attenzione all’ambiente circostante ed ai piccoli cambiamenti, il Pastore Maremmano si presenta piuttosto schivo e diffidente con gli estranei, pur non mostrando un atteggiamento aggressivo.

Non accetta soprusi e per creare un ottimo rapporto con lui occorre tenere presente che ha bisogno di rispetto per essere rispettato a sua volta. Pur attaccandosi moltissimo al padrone il Pastore Maremmano non è affatto incline alle effusioni.

Addestramento Pastore Maremmano

Il carattere forte e indipendente del Pastore Maremmano rendono necessari comportamenti ben ponderati nell’addestramento.

Le sue caratteristiche caratteriali rendono necessario un addestramento che inizia fin dai primi mesi di vita, effettuato nella maniera più corretta e con metodo.

Coerenza e costanza devono diventare le parole d’ordine nell’addestramento del Pastore Maremmano e, per coloro che non hanno ancora esperienza, potrebbe essere utili almeno nelle prime fasi l’affiancamento di un addestratore qualificato.

Non servirà a niente urlare o sgridarlo, perché quando deciderà di fare di testa sua lo farà comunque. Gli scatti di rabbia possono solo rivelarsi controproducenti nell’addestramento. In compenso è una razza di cane estremamente intelligente ed un grande ascoltatore, per cui comandi impartiti con voce calma e ferma porteranno senza dubbio a risultati migliori di quelli dati alzando la voce.

Nessun addestramento, per quanto ben eseguito, potrà mai portarlo all’ubbidienza cieca e sottomissione. Non aspettatevi che il Pastore Maremmano viva nella fremente attesa di vedervi tornare a casa. Con lui non dovrete mai affrontare problematiche come quelle legate all’ansia da separazione! Pur riconoscendo nel suo padrone il capobranco infatti lo considererà sempre come un essere a sovranità limitata, assecondando le sue richieste fino al momento in cui riterrà che è più producente fare di testa propria.

Il Pastore maremmano in famiglia

Quindi il Pastore Maremmano non è indicato per essere inserito in un contesto familiare?

Tutt’altro! Non si tratta certamente di un cane alla portata di tutti, ma se cercate un amico fedele ed affidabile, capace di offrire e ricevere amicizia spontaneamente, sicuramente il Pastore Maremmano è quanto di meglio potete trovare.

La sua storia, fatta di tanti momenti in cui si è trovato ad affrontare situazioni difficili e a badare a se stesso usando il cervello ed il proprio spirito di iniziativa, ha senza dubbio lasciato un segno indelebile nel suo carattere, rendendolo così com’è oggi: un cane capace di offrire amore e lealtà al padrone ma senza vincoli di sottomissione, senza dipendenza o servilismo.

Piuttosto diffidente verso gli estranei, è un ottimo cane da guardia ed ama svolgere il suo compito in un territorio tutto suo, e non esiterebbe a dare la sua vita per difendere la proprietà, sia che si tratti di un gregge, di una casa o della propria famiglia.

Malattie e cura del Pastore Maremmano

Come abbiamo già più volte sottolineato il Pastore Maremmano è un cane particolarmente forte e non è esposto a malattie particolari, comprese quelle ereditarie.

La sua vita media è di circa 11/13 anni. Di indole rustica, riesce a resistere bene alle intemperie ed al freddo. Il suo manto a pelo lungo richiede frequenti spazzolature ed un attento controllo antiparassitario.

Se il mantello lanoso ed abbondante gli permette di dormire fuori anche quando le temperature sono particolarmente rigide, è importante assicurarsi che nei mesi estivi possa avere a disposizione spazi di ombra dove riposare.

Durante la muta è importante prevedere qualche bagnetto e frequenti spazzolate del pelo e del sottopelo per favorirne la caduta.

Vogliamo svelarvi un piccolo trucco per rendere il pelo del vostro Pastore Maremmano morbido e luminoso. Prendete un po’ di fecola di patate e distribuitela sul suo manto come una lozione. La fecola, naturale e inodore, non recherà nessun fastidio all’animale e dopo pochi minuti, spazzolando il suo manto, resterete meravigliati del risultato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *