Ansia del cane: cause e rimedi – Expodog Blog

Ansia del cane: cause e rimedi

Tutti noi conosciamo bene gli stati ansiosi che possono colpire gli esseri umani, ma forse non tutti sanno che i nostri fedeli amici a quattro zampe possono essere colpiti dall’ansia proprio come noi. Proviamo a scoprire quali sono le principali cause dell’ansia nel cane e quali possibili rimedi possiamo adottare.

Perché i cani soffrono di stati ansiosi?

Le cause dell’ansia del cane possono dipendere da moltissimi fattori, che vanno da un clima teso all’interno della famiglia all’ambiente in cui vivono, passando da alcune malattie e disturbi. In generale lo stato di ansia di Fido è una reazione anticipata ad una possibile situazione di pericolo che percepisce.

Il rumore eccessivo ed improvviso può essere senza dubbio una delle cause, basta pensare ad esempio alla reazione del cane davanti ai fuochi d’artificio o ai tuoni per capire quanto forte possa essere la loro sensazione di paura.

Anche eventuali cambiamenti nelle abitudini familiari possono provocare stati di preoccupazione in Fido. In questo caso si parla di ansia da separazione e può essere avvertita dal nostro pelosetto in seguito a cambiamenti che portino ad allontanamenti dei suoi amici umani per un lungo periodo di tempo o anche un trasloco in una nuova casa. La sua paura di essere stato abbandonato diventa talvolta incontrollabile e difficile da gestire se non si interviene in modo tale da fargli comprendere che i suoi timori sono completamente infondati.

Come si riconosce l’ansia del cane?

I segnali che possono svelarci che il nostro fedele amico a quattro zampe è sotto stress possono essere diversi da esemplare ad esemplare, ma in generale paura e timore del cane si manifestano con:

  • orecchie sollevate in posizione verticale o distese, riscontrabili quando a provocare paura è il sopraggiungere di un forte rumore improvviso
  • labbro leggermente arricciato, posa tipica del cane che percepisce un imminente pericolo
  • occhio a mezzaluna, indica che l’animale è sotto stress
  • tremori, brividi, tensione muscolare e salivazione eccessiva sono sintomi di uno stato ansioso eccessivo

Cosa fare per ridurre lo stress?

Quando notiamo segni di stati ansiosi in Fido è importante intervenire prontamente: quello che noi notiamo esternamente nelle sue pose e mimiche facciali è solo una piccolissima parte del malessere che Fido prova per quella situazione che sente fuori dal proprio controllo.

Se si tratta di ansia da separazione (che potrebbe comparire anche se Fido resta qualche ora solo in casa) potete provare a risolvere il problema con i consigli che vi abbiamo dato qui. Se però il problema rimane o ha altre cause, chiedere aiuto al proprio veterinario di fiducia ed eventualmente rivolgersi ad un comportamentista può dare un grande aiuto nel trovare la soluzione migliore.

Per aiutare Fido a superare i momenti di ansia sono disponibili in commercio anche dei calmanti assolutamente naturali, che proprio per questo non presentano controindicazioni particolari e possono essere somministrati a Fido per aiutarlo a stare meglio.

Occorre sempre ricordarsi che, qualunque sia la causa che scatena l’ansia, per il cane questa rappresenta una fonte di malessere reale: quando Fido avverte un possibile pericolo viene assalito da veri e propri attacchi di panico e comportamenti sbagliati, come sgridarlo o punirlo, potrebbero portare solo a peggiorare la situazione.

Si può invece provare a combattere il problema con un rinforzo positivo, utilissimo quando ad esempio Fido piagnucola o abbaia in modo eccessivo: portarlo a concentrarsi su altro e premiarlo con un goloso bocconcino quando mostra di trasferire la sua attenzione su altro può davvero portare a ottimi risultati nella lotta all’ansia del cane.

Via libera a coccole e massaggi… Un rimedio ideale potrebbe essere racchiuso nel giubbotto calmante per cani, un indumento da indossare esclusivamente a ridosso delle situazioni che possono potenzialmente diventare scatenanti per Fido.

Conosciuto anche come pettorina anti-ansia questo indumento esercita una leggera pressione in alcuni punti del corpo, favorendo il rilascio di endorfine. Attenzione però a farlo indossare al vostro pelosetto solo nei momenti di effettiva necessità, per evitare che il nostro pelosetto si abitui agli effetti della pressione che esercita rendendolo così inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *