Come riconoscere l’osteoartrosi nel cane – Expodog Blog

Come riconoscere l’osteoartrosi nel cane

Quando inizia ad essere avanti con gli anni il tuo fedele amico a quattro zampe potrebbe iniziare a mostrare alcune fastidiose conseguenze legate al processo di invecchiamento.

Una di queste riguarda le articolazioni ed è conosciuta come artrosi del cane (o per essere più precisi osteoartrosi del cane).

Si tratta di una malattia degenerativa che non deve essere affatto confusa con l’artrite. Benché il nome sia abbastanza simile ed anche alcuni sintomi sono comuni, l’artrosi si manifesta quando la cartilagine si logora facendo in modo che le ossa sfreghino tra loro, mentre l’artrite è un processo infiammatorio. Mentre l’artrosi colpisce il cane anziano l’artrite può colpire il nostro amato Fido a tutte le età.

Sintomi dell’artrosi

Come abbiamo detto l’artrosi consuma la cartilagine, per cui i sintomi più frequenti che potremmo notare sono:

  • difficoltà ad alzarsi e a camminare
  • apatia verso il gioco
  • letargia
  • irritabilità
  • riluttanza al movimento

Il dolore che Fido avverte alle articolazioni lo porta a rifiutare qualsiasi forma di movimento, e anche correre e saltare durante la pausa di gioco gli provoca sofferenza. Il suo unico desiderio sarà quello di rimanere sdraiato più a lungo possibile, camminando potrebbe mostrare segni di zoppia e piangere quando viene accarezzato nella zona colpita.

A favorire l’insorgere dell’osteoartrosi vi sono alcuni fattori che possono essere legati alla genetica, alla razza (alcune razze di cani sono maggiormente soggette), displasie, traumi, obesità ed eccessivo esercizio fisico. 

Rimedi per l’osteoartrosi di Fido

Trattandosi di una malattia degenerativa non vi sono cure che possono far guarire Fido. Tuttavia una diagnosi precoce è fondamentale per dar modo di iniziare subito terapie adeguate che possano quantomeno bloccare lo stato degenerativo.

Se sospettiamo che Fido soffra di osteoartrosi la prima cosa da fare è chiedere un consulto con il proprio veterinario di fiducia.

Sarà infatti lui a confermare o smentire i nostri sospetti attraverso un esame di diagnostica per immagini (Tac, radiografia o risonanza magnetica) è in grado di fare una diagnosi precisa e di valutare la gravità della malattia.

A quel punto prescriverà una terapia volta a rallentarne l’avanzamento ed alleviare le sofferenze del cane. 

Cosa fare quando Fido soffre di osteartrosi

Oltre alla terapia prescritta dal veterinario è importante adottare in casa delle precauzioni per alleviare il suo dolore. Se Fido era abituato a dormire sul divano, ad esempio, potrebbe essere utile munirsi di un cuscino morbido da collocare sul pavimento per i suoi riposini.

Il nostre fedele amico a 4 zampe non sarà più così costretto a saltare su e giù dal divano e le sue articolazioni vi ringrazieranno.

Anche un programma di esercizi a basso carico da svolgere quotidianamente con regolarità potranno aiutarlo.

Quando siamo in presenza di osteartrosi il cane tende ad evitare le situazioni di affaticamento, con conseguente diminuzione della massa muscolare negli arti colpiti ed aumento delle sollecitazioni negli altri.

Questo provoca una maggior tensione delle articolazioni ed un disagio ancora più grande. Prevedere un programma con attività fisica che provochi sollecitazioni minime alle articolazioni (come ad esempio il nuoto) lo aiuterà a stare meglio senza provare dolore.

Ma come per molte altre patologie la miglior cura arriva dalla prevenzione: far fare al nostro fedele amico attività fisica e non somministrargli pasti troppo abbondanti, accertarsi che non sia affetto da displasia all’anca e somministrargli degli integratori specifici può senza dubbio aiutare a prevenire l’osteoartrosi del cane.

1 Comment

  1. Che fare quando 2 cani vivono assieme e si odiano ? Devo tenere la casa divisa ed il giardino diviso . I cani sono 2 maschi ,da cuccioli giocavano tanto carini ora non si possono guardare che si azzannano . Uno è un bassotto e l’altro un chiuhuahua .qualche suggerimento ??? grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *