Test progesterone cane, parto cesareo, monta cane: i costi di un allevatore.

accoppiare cani ha un costo: spese di studio del ciclo riproduttivo della femmina (valutazione del progesterone, anche più volte, striscio vaginale, test per l’ovulazione – compensi del Medico Veterinario).

L’accoppiamento di due cani di razza va PONDERATO, e cioè: non si sceglie quasi mai un maschio appartenente all’allevamento stesso bensì occorre che ogni allevatore che seleziona correttamente una razza abbia in mente un buon PIANO DI SELEZIONE e ciò, automaticamente, comporta che si debba ricercare, nell’estrema varietà dei pedigree italiani, un buon cane con una già buona progenie, risultati sanitari a posto, e possibilmente dignitose verifiche zootecniche (indi risultati espositivi) che vada bene, geneticamente, per la nostra femmina;

allevare cani ha un costo: anche quando non ci sono cuccioli i cani mangiano, bevono, vanno in expo per garantirvi che siano soggetti tipici, fanno le lastre ufficiali, i vaccini ed i controlli annuali;

Quando si sceglie un cane al di fuori del proprio allevamento bisogna aggiungerci: spese per spostarsi e raggiungere il maschio, pagamento del prezzo convenuto per la monta, spese di eventuali fecondazioni assistite se il maschio non monta; posto che finisca qui… la femmina dovrebbe essere gravida indi: ecografie, alimentazione specifica, allestimenti per la sala parto (ogni volta nuovi per evitare contaminazioni), monitoraggio a fine gravidanza, radiografie, eventuali (nel peggiore dei casi) spese per taglio cesareo o quantomeno pagamento del Medico Veterinario che segue la fattrice al momento del parto.

Crescere la cucciolata ha un costo: cibo specifico per lo svezzamento, ciotolame, vaccini, microchip, denunce all’anagrafe e all’ENCI sia di monta e nascita (Modello A) sia di registrazione (modello B), trasferimento di proprietà, sverminazioni e controlli sanitari prima della consegna;

Complicazioni possibili

  1. necessità di taglio cesareo (dai 450 ai 600 euro – anche se i cuccioli NON sono vivi);
  2. svezzamento dei cuccioli (tra latte in polvere, crocchette specifiche, ciotolame e pulizia igienizzante ogni 24 ore a due mesi avremo speso già quasi altri 500 euro);
  3. documenti dei cuccioli (modello A 22,00 euro – modello B con nominativi dei nuovi proprietari dai 17 ai 19 euro a cucciolo + 8 euro di diritti di segreteria ENCI, quindi per una media di 5 cuccioli sono euro 98,00);
  4. anagrafe canina e inoculazione chip 40 euro a cucciolo (5 cuccioli = 200 euro);
  5. vaccinazione ogni cucciolo prima a 40 e poi a 55 giorni (sono circa 50 euro a cane, per 5 cuccioli sono 250 euro);
  6. E se non si sono adeguatamente piazzati tutti i cuccioli per tempo a dignitosi proprietari responsabili, toccherà avere cura anche di loro sin quando non troveranno seria famiglia… avete fatto un paio di conti? Vi sembra ancora eccessivo il prezzo? 

PS: per di più, non dimenticate di chiedere la prova della salute genetica dei genitori, quindi copie displasie anche e gomiti e copie dei controlli oculistici… informatevi!