Come educare i bambini a prendersi cura di un cane – Expodog Blog

Come educare i bambini a prendersi cura di un cane

L’arrivo di un cucciolo in famiglia è senza dubbio motivo di grande gioia ed allegria per tutti, in particolar modo per i bambini che vedono in quel nuovo pelosetto un compagno di giochi instancabile.

Oltre a valutare attentamente quale razza di cane scegliere, quale sia quella più indicata in base al proprio stile di vita, è però importante preparare anche i più piccoli della famiglia al suo arrivo, facendo loro capire che non si tratta di un nuovo giocattolo ma di un esserino che ha bisogno anche della loro cura e delle loro attenzioni.

L’ingresso del nuovo componente della famiglia dovrà avvenire in un clima quanto più disteso e rilassato possibile: è inevitabile che il cucciolo provi timore nei suoi primi giorni di permanenza nella sua nuova casa e dovremmo potergli garantire sempre tutto il tempo necessario per socializzare con ogni componente, compresi i bambini, che dovranno però mostrarsi sempre calmi.

Nella sua prima settimana di permanenza dovremmo prestare un’attenzione particolare al comportamento dei nostri figli nei confronti del nuovo arrivato, ed in particolare insegnare loro che:

  • dovranno rimanere seduti sul pavimento ed attendere che sia il cucciolo ad avvicinarli (e non viceversa)
  • dovranno evitare di avvicinarsi a lui quando mangia
  • non devono stringere troppo il cucciolo quando lo coccolano
  • qualora si sia già instaurato un buon rapporto tra i tuoi figli ed il cane, tanto che il cucciolo si lascia prendere in braccio da loro, dovranno farlo posizionando una mano aperta sotto la sua pancia e sostenere la parte posteriore del corpo con l’altra mano
  • anche il loro ruolo è determinante nello sviluppo e nella crescita del loro nuovo amico a quattro zampe

Un comportamento corretto dei nostri figli nei confronti del cucciolo aiuterà ad instaurare tra loro un rapporto speciale e ad evitare che il pelosetto, infastidito dalla loro eccessiva irruenza o in preda al dolore per una presa errata, reagisca in modo eccessivo.

In realtà si tratta di due esserini che devono entrambi crescere e la presenza di ognuno può davvero aiutare l’altro in questa fase, a patto ovviamente che vengano rispettate determinate regole comportamentali.

La presenza del cucciolo può essere un ottimo sistema per responsabilizzare tuo figlio, permettendogli ad esempio di condurre fuori Fido tenendolo al guinzaglio, in zone dove non vi sono pericoli e sempre sotto la sorveglianza di una persona adulta.

In linea generale la sorveglianza di un adulto dovrebbe poter essere sempre garantita, anche quando il tuo bambino e Fido hanno già socializzato e stanno giocando allegramente, per evitare che un gesto improvviso del bambino provochi una reazione inaspettata.

Quali razze canine scegliere in una famiglia con bambini

Quando decidiamo di portare in famiglia un nuovo cucciolo la presenza di bambini può influenzarne la scelta. Se è vero che tutti gli amici a quattro zampe sono in grado di offrire un universo di affetto è pur vero che alcune razze sono caratterialmente più indicate quando siamo in presenza di bambini piccoli.

Non possiamo certo fare un elenco definitivo, poiché anche all’interno di una stessa razza possono esserci cuccioli con un temperamento diverso da quello considerato invece lo standard della razza, tuttavia avere un’idea dei tratti caratteriali e comportamentali tipici potrà aiutare nella scelta.

Pur essendo lontani dal voler generalizzare ecco allora una lista di razze canine particolarmente indicate per le famiglie con bambini, da utilizzare come linea guida generale e non affatto definitiva.

Le razze canine tipicamente considerate tra le più socievoli sono:

Golden Retriever: il perfetto compagno di giochi

Esemplare di taglia media a pelo lungo il Golden Retriever è un compagno di giochi ideale per i bambini. Grazie al suo temperamento intelligente, fedele e paziente può davvero trasformarsi in un ottimo alleato per i momenti di gioco dei tuoi figli. Il suo temperamento giocoso sa trasformarsi in momenti di attenzione altissima durante le fasi di addestramento. Non sarà affatto difficile insegnare a questo magnifico esemplare a rispondere ai comandi di obbedienza, grazie alla sta straordinaria intelligenza ed al suo temperamento che lo porta a compiacere sempre il suo amico umano.

Da tenere in considerazione prima di scegliere un cucciolo di Golden Retriever il fatto che necessita di uno spazio all’aperto e di fare molta attività fisica, per cui è particolarmente adatto a chi non ama la vita sedentaria.

Labrador Retriever: un cucciolo che adora le coccole

Famoso per il suo carattere dolcissimo il Labrador Retriever è sicuramente una razza canina che potrai prendere in considerazione se in casa ci sono dei bambini. Taglia media, pelo lungo, socievole, docile e tranquillo il cucciolo di Labrador Retriever adora essere coccolato e sa mostrarsi estremamente paziente anche con i più piccoli.

Conosciuto anche semplicemente come Labrador, adora trascorrere molto del suo tempo con i componenti della famiglia, con i quali ama passeggiare e fare attività fisica.

Il cucciolo di Labrador, oltre che amorevole e disponibile alle coccole, si presenta anche molto curioso: ama imparare da qualsiasi cosa trovi lungo il suo cammino. Attento ed intelligente è un cane facile da addestrare e sempre disponibile all’apprendimento.

Beagle: l’amicizia per lui è preziosa

Cane molto allegro, socievole ed affettuoso il Beagle da un grandissimo valore all’amicizia. Con il suo musetto dolce, le orecchie lunghe e cadenti e gli occhioni languidi sembra essere nella costante attesa di coccole. Adora i bambini e, più in generale, la compagnia i tutti i componenti della famiglia.

Unica nota negativa: non ama restare da solo per lungo tempo e, qualora si trovi a rimanere in casa in solitudine potrebbe abbaiare in modo ripetuto ed ossessivo.

Bulldog inglese: un concentrato di dolcezza

Abbiamo già avuto modo di parlare delle caratteristiche del Bulldog Inglese, di quei tratti che lo rendono particolarmente indicato alle famiglie con bambini piccoli ed anche a chi non ha a disposizione spazi all’aperto.

Non possiamo fare altro che ribadire quanto già espresso: con quella sua perenne espressione da vecchio saggio sa trasformarsi in un ottimo baby sitter per bambini piccoli, vegliando su eventuali pericoli che possono incontrare, ed al tempo stesso essere sempre disponibile al gioco con quella sottile vena di umorismo che lo contraddistingue.

Nonostante la sua corporatura robusta e muscolosa il Bulldog inglese può benissimo essere la razza canina ideale per famiglie con bambini piccoli che non dispongono di spazi all’aperto, adattandosi anche molto bene alla vita in appartamento.

Barboncino: il cane ipoallergenico

Se tuo figlio o qualche altro componente della famiglia è allergico al pelo del cane una razza da prendere in considerazione è senza dubbio il barboncino. Grazie alla particolare caratteristica del pelo riccio infatti, il cucciolo di Barboncino può essere considerata una delle razze anallergiche

Semplice da gestire, anche grazie alla sua taglia piccola, può tranquillamente vivere anche in appartamento ed è particolarmente indicato a tutti coloro hanno bambini e vogliono portare un cucciolo in casa pur non disponendo di un giardino o di spazi all’aperto. Intelligente, ubbidiente e reattivo necessita di una frequente toelettatura, soprattutto se tra i componenti della famiglia vi sono persone che soffrono di allergie

Conclusioni

E tu hai già scelto quale razza canina porterai nel tuo appartamento? Come abbiamo detto all’inizio questo elenco non vuole assolutamente essere definitivo.

Sappiamo bene che ogni esemplare è in grado di offrire e ricevere amore da tutti i componenti della famiglia, indipendentemente dalla sua taglia.

Quello che abbiamo voluto fare è semplicemente un elenco di quelle razze canine che, per le caratteristiche specifiche della razza, possono essere particolarmente indicate alle famiglie con bambini piccoli.

I cani possono essere tutti membri della famiglia estremamente amabili e premurosi e rappresentare per i bambini degli ottimi compagni di gioco. 

L’importante è insegnare ai tuoi figli quanto sia importante rispettare quel nuovo batuffoletto di pelo ed accudirlo correttamente. Solo in questo modo potrai creare tra loro un legame davvero speciale ed un ambiente che sia assolutamente sicuro per entrambi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *