Jack Russel Terrier: personalità e come educarlo?

Il Jack Russel è un cane che appartiene al tipo dei Terrier, e come tale è dotato di un carattere particolarmente attivo, molto vivace, agile e veloce nei movimenti; nasce come cane da caccia alla volpe, mentre nel tempo si è trasformato in un affettuoso soggetto da compagnia.

Origine della razza

Il Jack Russel Terrier ha origini inglesi, precisamente nella regione del Devon, dove intorno al 1800 un pastore anglicano di nome John Russel incominciò ad effettuare incroci tra soggetti per creare il suo cane ideale, che doveva avere determinate caratteristiche, e precisamente essere di piccola taglia per potersi intrufolare nelle tane delle volpi, e nello stesso tempo poter competere in velocità con cani di taglia maggiore.
Pertanto John Russel, soprannominato Jack, diede inizio alla razza omonima con la capostipite di nome Trump. Secondo alcuni resoconti storici, il pastore continuò la sua selezione geneticaincrociando esemplari appartenenti alla razza Beagle e Bulldog, dando origine al Jack Russel Terrier.

Indole del Jack Russel Terrier

Nonostante questo cane sia nato come cacciatore di volpi, si è mostrato anche molto abile nei confronti di altre prede, come ad esempio i topi. Per la sua indole estremamente allegra, socievole e giocherellona, il Jack Russel si è affermato come cane da compagnia anche grazie alle sue dimensioni piuttosto contenute. Si tratta di un esemplare molto attivo, che necessita un intenso movimento per sfogare la sua esuberanza; appare instancabile e mostra un’indole particolarmente tenace e volitiva. Nonostante questo è anche capace di rimanere tranquillo vicino ai bambini, con i quali è solito giocare in maniera affidabile.

Rapporto con gli umani ed i bambini

Si affeziona morbosamente al proprietario con il quale instaura un rapporto di simbiosi affettiva. Trattandosi di un animale estremamente volitivo, richiede una persona che sia in grado di addestrarlo in maniera ferma e coerente, per evitare che la sua esuberanza si trasformi in insubordinazione.

Infatti, quando raggiunge particolari livelli di eccitazione, risulta piuttosto difficile riportarlo alla normalità, poiché la sua indole indipendente lo potrebbe spingere a disobbedire e a non ascoltare i richiami del proprietario.

Caratteristiche fisiche della razza

Il Jack Russel Terrier è un esemplare di taglia medio/piccola che si presenta più sviluppato in lunghezza che in larghezza, la sua altezza ideale è compresa tra 25 e 30 centimetri, e il suo peso si aggira intorno ai 6-8 kg. Presenta un cranio piatto, moderatamente largo, che si restringe verso il muso, caratterizzato da un tartufo completamente nero.
Gli occhi sono piccoli, scuri, con un’espressione intelligente ed acuta.
Possiede orecchie rosa molto morbide e tendenzialmente ricadenti in avanti; la coda si mostra eretta durante l’attività.
Il suo manto è costituito da un pelo liscio, spezzato (broken) oppure ruvido, nella variante a pelo ruvido l’aspetto dell’animale è piuttosto dissimile dallo standard caratteristico della razza.
Il colore predominante è il bianco che può presentare macchie nere o focate, di solito localizzate unicamente sul capo o alla radice della coda.
Carattere del Jack Russel TerrierTrattandosi di un cane estremamente attivo, allegro e giocherellone, molto attento ed intelligente, che non si stanca mai, risulta adatto soprattutto per persone molto dinamiche, che amano praticare attività sportive e fare lunghe passeggiate.
Non è quindi un cane adatto per individui pigri in quanto per mantenersi in salute ha assoluto bisogno di fare moltissimo movimento per dare libero sfogo alla sua esuberanza.
È un animale dal temperamento dominante, in quanto è caratterizzato da un carattere molto determinato e deciso nelle sue scelte, pertanto viene consigliato a persone che siano in grado di addestrarlo con grande fermezza.
Lasciato a se stesso e trascurato, il Jack Russel può trasformarsi in un vero terremoto che sfoga la sua vitalità mordicchiando mobili, scavando buche nel giardino, abbaiando furiosamente e correndo senza sosta.
Prima di decidere di acquistare un esemplare di questa razza, è necessario essere a conoscenza che la sua indole è quella tipica di un cane da caccia, alla continua ricerca di qualcosa da scovare. Per questo motivo, la costrizione in ambienti ristretti o ad una vita troppo sedentaria può avere conseguenze negative sul suo carattere.

Come addestrare e vivere con un Jack Russel Terrier

La grande resistenza fisica del Jack Russel accompagnata da una buona potenza muscolare, gli permettono di poter correre per molto tempo senza affaticarsi mantenendo un ritmo piuttosto vivace.

Nato come cane da caccia alla volpe, è fornito di una mandibola estremamente robusta, che gli consente di afferrare la preda con forza, realizzando una presa molto tenace.

Per queste sue caratteristiche, il Jack Russel è portato ad essere un cane mediamente aggressivo, che comunque, se addestrato correttamente, può trasformarsi in un ottimo esemplare da compagnia, estremamente amabile ed affettuoso.

Nonostante la sua esuberanza, se viene educato con i giusti mezzi può vivere bene anche in un appartamento, a patto di assicurargli una buona dose di corse e di passeggiate all’aria aperta.

Molto spesso la piccola taglia del Jack Russel spinge le persone a considerarlo un cane gestibile, tranquillo e facilmente adattabile ad una vita sedentaria; in realtà nonostante le sue dimensioni contenute, questo cane è dotato di un temperamento eccezionale, unito ad un carattere molto forte che lo rende un compagno fedele ed affidabile, a patto che il proprietario riesca ad instaurare con lui un rapporto basato su regole comportamentali ben precise.

L’errore più grande sarebbe quello di non incanalare la sua irruenza in maniera corretta, poiché si correrebbe il rischio di non riuscire più a controllarlo.

Se per superficialità il proprietario non riesce a mettere dei freni al comportamento spesso ingestibile del Jack Russel, difficilmente riuscirà ad instaurare con lui un rapporto positivo, e soprattutto non sarà in grado di controllarne i comportamenti.

La caratteristica fondamentale della personalità di questo cane è quella di non mollare la presa, sia materiale che metaforica, considerandosi spesso il maschio alfa, forse proprio per le sue piccole dimensioni.

Pertanto l’addestramento deve avere inizio fin dai primi mesi di vita e deve consistere in un percorso molto coerente e portato avanti in maniera costante ed ininterrotta, per fare sì che l’indole piuttosto indipendente di questo animale riconosca nel proprietario una figura di riferimento a cui obbedire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trovi interessante questo contenuto? Condividilo.