Otite del cane: come prevenirla e curarla – Expodog Blog

Otite del cane: come prevenirla e curarla

L’Otite del cane è un’infiammazione dell’orecchio esterno. Mentre il nostro condotto uditivo è orizzontale, quello dei nostri amati pelosetti è a forma di L, con una parte verticale che si estende in basso ed una orizzontale che invece va a terminare nel timpano.

Proprio la parte orizzontale è spesso deposito di cerume e pus, che tende ad accumularsi facendo fatica a risalire per poter essere espulso naturalmente. ​ ​

Vediamo insieme quali sono i fattori che contribuiscono all’insorgere dell’infezione, con quali sintomi si manifesta e come curare l’otite del cane.​ ​

Otite del cane: cause

​Infiammazione piuttosto comune l’Otite del Cane può avere cause diverse. Sono infatti molti i fattori che possono favorire la proliferazione di agenti infettivi. Tra i principali ricordiamo:​

  • ​orecchie pendenti che non permettono una regolare circolazione dell’aria intrappolando l’umidità all’interno del condotto uditivo​ ​
  • residui di acqua all’interno dell’orecchio dopo aver fatto il bagno o dopo una nuotata in mare​
  • presenza di acaro parassita che vive nel condotto uditivo ed è responsabile della rogna auricolare ​

Per prevenire una crescita batterica eccessiva è quindi importante eseguire una corretta e costante pulizia del condotto uditivo, in particolar modo negli esemplari che presentano orecchie pendenti, come Bassethound e Cocker.

Durante il bagno è importante prestare attenzione affinché l’acqua non penetri dentro le orecchie. Dopo una nuotata in mare invece può essere raccomandato l’impiego di un prodotto per la pulizia che svolga anche azione asciugante sul condotto uditivo. ​

Evitare la creazione di umidità eccessiva all’interno dell’orecchio è senza dubbio la prima importante mossa per prevenire la formazione di lieviti e batteri al suo interno. ​

Sintomi dell’Otite del Cane

​Quali sono i sintomi che possono farci pensare di essere in presenza di Otite del Cane?

Innanzitutto il nostro fedele amico a quattro zampe inizierà a mostrare senso di fastidio all’orecchio. Tenderà a grattarsi con insistenza, a scuote spesso la testa ed a mostrare dolore se tocchiamo la base dell’orecchio.

L’eccesso di cerume o pus produrrà anche un effetto maleodorante.​ ​ In presenza di questi sintomi è consigliabile programmare una visita con il proprio veterinario di fiducia, in quanto l’Otite, di per se abbastanza comune e facile da curare, può condurre a seri problemi se trascurata.​ ​

Oltre al senso di fastidio che provoca nel nostro amico a quattro zampe infatti, il residuo prolungato nel tempo di cerume può portare alla perforazione del timpano o arrivare a coinvolgere nell’infezione anche l’orecchio medio e quello interno.

Potrebbero verificarsi paralisi del nervo facciale e disturbi dell’equilibrio. ​ ​

Come curare l’Otite del Cane

​Come abbiamo già accennato sopra, quando pensiamo di essere in presenza di Otite del Cane è importante rivolgersi al proprio veterinario.

Quest’ultimo provvederà ad effettuare un’ispezione accurata del condotto uditivo dell’animale, per assicurarsi che non vi siano copri estranei (come ad esempio i forasacchi).

Cercare di comprendere le cause che hanno scatenato l’infezione può rivelarsi fondamentale per prevenirne nuove insorgenze. Ecco perché il veterinario effettuerà un prelievo di materiale per l’esame istologico. In questo modo sarà in grado di determinare quale lievito o batterio sia stato il responsabile dell’infezione in atto. ​ ​

Come ultima operazione il medico effettuerà una pulizia accurata delle orecchie del cane, eliminando quanto più cerume e pus possibile per dar modo ai medicinali di avere piena efficacia sul condotto uditivo e provvederà a prescrivere un farmaco che donerà immediato sollievo al cane.

In genere i farmaci per la cura dell’otite del cane sono prodotti che svolgono molteplici azioni:

  • antibatterica
  • antinfiammatoria
  • antiparassitaria
  • antimicotica

Il medicinale verrà somministrato seguendo le indicazioni date dal medico. Sarebbe buona regola far seguire un nuovo controllo dal veterinario, dopo due settimane, per assicurarsi che l’infezione sia del tutto scomparsa. Se il nostro Fido dovesse mostrarsi particolarmente soggetto all’Otite, una volta superata la fase acuta, potrebbe essere consigliabile ricorrere a prodotti di pulizia delle orecchie specifici, come le soluzioni di lavaggio antisettiche. ​

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *